A koronavírusos betegeket ápoló doktor levette a maszkját: lesápadsz, ha meglátod, milyen az arca

Hirdetés

Köszönjük meg minden embernek, aki éjt nappallá téve dolgozik a járvány frontvonalában!
Kevés fotó mond el többet a koronavírussal folytatott emberfeletti harcról, mint az, ahol egy olasz nővér mutatta meg, milyen az arca a véget nem érő műszakok után, ami alatt le sem veheti a maszkját. Maga a maszk viselése természetesen semmilyen veszélyt nem rejt, épp ellenkezőleg, a védelem miatt fontos, csak az orvosok és ápolók annyi ideig hagyják magukon, hogy a nap végére kidörzsöli az arcukat.

Orvosok Wuhanból:

Alessia Bonari elmondta, hogy a maszkokhoz nem nyúlhatnak hozzá, de mivel folyamatosan rajtuk kell lennie, a hosszú napok alatt felsérti, kidörzsöli az arcukat. Pihenni és enni is alig tudnak, sok most a tennivaló. Mégsem bánja, mert legalább segít a betegeken, akiknek a legnagyobb szükségük van rá.

Hirdetés


View this post on Instagram

Sono i un'infermiera e in questo momento mi trovo ad affrontare questa emergenza sanitaria. Ho paura anche io, ma non di andare a fare la spesa, ho paura di andare a lavoro. Ho paura perché la mascherina potrebbe non aderire bene al viso, o potrei essermi toccata accidentalmente con i guanti sporchi, o magari le lenti non mi coprono nel tutto gli occhi e qualcosa potrebbe essere passato. Sono stanca fisicamente perché i dispositivi di protezione fanno male, il camice fa sudare e una volta vestita non posso più andare in bagno o bere per sei ore. Sono stanca psicologicamente, e come me lo sono tutti i miei colleghi che da settimane si trovano nella mia stessa condizione, ma questo non ci impedirà di svolgere il nostro lavoro come abbiamo sempre fatto. Continuerò a curare e prendermi cura dei miei pazienti, perché sono fiera e innamorata del mio lavoro. Quello che chiedo a chiunque stia leggendo questo post è di non vanificare lo sforzo che stiamo facendo, di essere altruisti, di stare in casa e così proteggere chi è più fragile. Noi giovani non siamo immuni al coronavirus, anche noi ci possiamo ammalare, o peggio ancora possiamo far ammalare. Non mi posso permettere il lusso di tornarmene a casa mia in quarantena, devo andare a lavoro e fare la mia parte. Voi fate la vostra, ve lo chiedo per favore.

A post shared by Alessia Bonari (@alessiabonari_) on

Hirdetés

Hozzászólások: